Cistoscopia per il cancro alla prostata

Tumore alla vescica, l'urologo Angelo Territo: "Individuarlo e curarlo "

Che non può essere presente in prostatite cronica

Altri siti AIRC. Cos'è il cancro. Guida ai tumori. Guida ai tumori pediatrici. Facciamo chiarezza. Cos'è la ricerca sul cancro. Prevenzione per tutti. Diagnosi precoce. Guida agli screening. Il fumo. Il sole. Salute femminile. Come affrontare la malattia.

Guida agli esami. Guida alle terapie. Storie di speranza. Dopo la cura. Organi di governo. Comitati regionali. La nostra storia. Come sosteniamo la ricerca. Cosa finanziamo. Come diffondiamo l'informazione scientifica. Ultimo aggiornamento: 4 giugno La cistoscopia è un esame endoscopico, eseguito a livello ambulatoriale, Cistoscopia per il cancro alla prostata permette di visualizzare le pareti interne della vescica e dell' uretra il condotto che collega la vescica con l'esterno.

Uno strumento a fibre ottiche, con all'estremità una piccola telecamera, viene inserito nell'uretra e quindi spinto lentamente fino alla vescica. Viene prescritta per indagare le cause di alcuni disturbi come la presenza di sangue nelle urinedolore pelvico cronicoinfezioni urinarie ricorrentiminzione dolorosaritenzione o incontinenza urinaria, vescica iperattivasegni di ingrossamento della Cistoscopia per il cancro alla prostata e nei casi in cui esami precedenti facciano sospettare l'esistenza di calcoli o lesioni tumorali.

Con l'inserimento di microstrumenti, infatti, permette anche di eseguire piccoli interventi come l'asportazione di polipi, calcoli e piccoli tumori. Prima dell'inserimento il medico applica un gel lubrificante e anestetizzante al paziente che, dopo aver svuotato la vescica, si è sdraiato sul lettino a pancia in su e con le ginocchia piegate.

Vi sono rari casi in Cistoscopia per il cancro alla prostata eseguire la cistoscopia è difficoltoso, a causa di restringimenti stenosi o particolari conformazioni anatomiche dell' uretra. La cistoscopia non prevede una particolare preparazione. Quando la cistoscopia è utilizzata per effettuare piccoli interventi, in qualche raro caso l'esame si esegue in regime di ricovero ospedaliero sotto anestesia spinale o generale. In questo caso si dovranno eseguire esami del sangue Cistoscopia per il cancro alla prostata un elettrocardiogramma e sarà richiesto il digiuno dalle otto ore precedenti l'intervento.

Non occorre farsi accompagnare, poiché durante l'esame non vengono, di norma, somministrati farmaci che alterano il livello di attenzione. Per questo, prima dell'esame, viene applicato il gel lubrificante ad azione anestetica. Dopo l'esecuzione della cistoscopia flessibile, rare volte i pazienti possono avvertire bruciore durante la minzione o emettere urina rosata. Occorre rivolgersi al medico nel caso in Cistoscopia per il cancro alla prostata, nei giorni seguenti, si verifichi febbre, si avverta nausea oppure si abbia difficoltà a urinare.

In genere l'esame dura dai 5 ai 10 minuti. Per la procedura ambulatoriale non è necessario nessun periodo di osservazione. Bagni caldi possono aiutare a lenire il bruciore a livello dell' uretra. Se l'esame è stato di tipo terapeutico, dopo la dimissione è consigliabile un riposo di qualche giorno. Per la ripresa dell'attività sessuale è meglio che siano passati tutti i sintomi di infiammazione o infezione. Rendiamo il cancro sempre più curabile.

Informati sul cancro Cos'è il cancro Guida ai tumori Guida ai tumori pediatrici Facciamo chiarezza Cos'è la ricerca sul cancro Glossario. Affronta la malattia Come affrontare la malattia Guida agli esami Guida alle terapie Storie di speranza Dopo la cura. Cosa facciamo Come sosteniamo la ricerca Cosa finanziamo Come diffondiamo l'informazione scientifica. Traguardi raggiunti I bandi per i ricercatori. Home page Cistoscopia Ultimo aggiornamento: 4 giugno Tempo di lettura: 2 minuti.

Di che cosa si tratta? La cistoscopia non comporta generalmente rischi a lungo termine. Le informazioni di questa pagina non sostituiscono il parere del medico. Autori: Agenzia Zadig.